Personale allo "Spazio E" a Ghemme (NO)

Intervista in occasione della personale allo "Spazio E" di Enrica Pedretti, a Ghemme (NO), 21 ott. - 23 nov. 2016

Spazio E: in questa tua personale hai messo l’accento sul progetto o sull’idea all’origine del progetto? Francesco Falcolini: i lavori ...

cos'è larte?

L'arte non è, come dicono i metafisici, la manifestazione di qualche misteriosa idea, della bellezza o di Dio; non è, come dicono i fisiologi, un gioco nel quale l'uomo sfoga le superflue energie accumulate; non è la manifestazione di un emozione per mezzo di segni esteriori; e, ciò che più conta, non è godimento; ma è un mezzo di comunicazione che riunisce gli uomini accomunandone le sensazioni, ed è necessario alla vita e al progresso verso il bene, del singolo uomo e dell'umanità.
Lev Nicolaevic Tolstoj

Benvenuti - Welcome

Questo blog è un archivio di immagini e testi relativi alla produzione grafica e pittorica di Francesco Falcolini. Il materiale disponibile è elencato sulla colonna di destra.
Attenzione: il copyright contrasta la libera circolazione della creatività, come dell'ingegno e della conoscenza umana.
Per coloro che desiderassero pubblicare su carta materiali reperibili in questo archivio sarà sufficiente fornire un rifermento agli autori; pubblicando sul web aggiungerà un link a questo stesso archivio. Grazie

On this web space you can find pictures and texts about Franc's production.

Attention please: copyright is against our ideas, please add just a link to this blog if you need export somethink. Thanks

Ottobre 2011

Gli individui che popolano questo pianeta hanno superato quota 7 miliardi

Intervista in occasione della personale allo "Spazio E" di Enrica Pedretti, a Ghemme (NO), 21 ott. - 23 nov. 2016

Spazio E: in questa tua personale hai messo l’accento sul progetto o sull’idea all’origine del progetto?
Francesco Falcolini: i lavori esposti allo “Spazio E”, tra ottobre e novembre, appartengono ad un progetto, titolato I Barbari Siamo noi e nato nel 2010, composto di una dozzina di lavori che rispecchiano il mio modus operandi, niente affatto omogeneo, né sotto il profilo stilistico, né sotto quello del processo creativo e operativo. In questa personale tuttavia non appare il progetto, non nel suo insieme, ma solo una selezione dei lavori che lo compongono –selezione operata da Enrica Pedretti- all’interno della quale sono presentati alcuni oli su tela tecnicamente e stilisticamente affini, affiancati da soluzioni altre, come l’installazione, la fotografia e la grafica.

D. Come definiresti il tuo stile, e se dovessi collocare in un museo una delle tue opere, in quale ti piacerebbe?
R. Definiscono spesso il mio lavoro come espressionista. Non è un caso che la parola non indichi propriamente uno stile, ma piuttosto un modo di approcciare l’arte che abbraccia un ambito vasto e vario della storia dell’arte. Ho diversi punti di partenza, diversi sono i modi di viaggiare attraverso il lavoro e più d’una sono le finalità che mi prefiggo. Non di rado ho utilizzato strumenti altri dalla pittura, anche mescolando tecniche diverse.
Il museo adatto per un mio lavoro? Il Guggenheim di New York, ma anche quello di Bilbao. No, davvero, penso che una chiesa sarebbe il luogo ideale per certi miei lavori: il cristianesimo e la sua lunga storia oscurantista, fanatica, sessuofobica, misogina, conflittuale, xenofoba, megalomane, avida, sanguinaria, superstiziosa… mi ha sempre ispirato, anche indirettamente.
La mia pittura appartiene al secolo scorso, ed io sono molto affezionato al GAM di Milano, perché lo sento molto più e molto meglio di un museo, si dispiega negli ambienti intimi di una villa reale. Gran parte delle opere esposte al GAM appartengono ai sussurri pacati del XIX secolo, ma a me piace molto anche il suo piano alto, con le collezioni Grossi e Vismara, nelle quali, tra l’altro, c’è un Novecento italiano di pregio, lontano dalla volgarità del perpetuamente celebrato futurismo.

D. Quando lavori pensi a qualcosa che vorresti collezionare tu, o lavori in funzione di chi guarderà le tue opere?
R. Se, mentre lavoro, percepisco gli occhi di chi osserverà quello che sto realizzando, mi inibisco, si infrange cioè quella cupola insonorizzata nella quale si sprigiona l’estasi della concentrazione. Un rapporto con chi ne potrà fruire c’è, ma è alla fonte. E’ nel desiderio di comunicare, di esprimere con forza inequivocabile quel che desidero si legga; come nella dinamica del manifesto pubblicitario. La metafora è uno strumento straordinario nella poetica dell’arte, ma penso che ad una civiltà volgare e umanamente analfabeta com’è la civiltà contemporanea, non si possa concedere nulla, non si debba concedere nulla, che non vi sia spazio sociale per la poesia.

D. Qual è il tuo rapporto col collezionismo d’arte, e chi acquista le tue opere, cosa si porta a casa?
R. Il mio lavoro non nasce per un pubblico compiacente, gratificato. Ho sempre lavorato per me stesso. Ho lavorato urtando volontariamente e violentemente il gusto contemporaneo. La contemporaneità è definibile come bulimica –una voracità disperata e autodistruttiva che è anche alimentare, ma fagocita tutto; e il suo gusto estetico si definisce nell’opposto: nell’assenza, nel collezionare ostinatamente forme e contenuti anoressici, svuotati. Ecco, il mio lavoro è volutamente sovraccarico.
Ma la drammaticità polemica di gran parte del mio lavoro raggiunge spesso punte tanto estreme da trasmettere robusti echi ironici. Miei lavori sono finiti nella cameretta dei figli del collezionista di turno; uno è stato rimosso dalla sala d’attesa di uno psicoanalisa, perché definito inquietante dal pubblico dei pazienti; altri sono stati censurati.
Nel 2005 ho prodotto alcune decine di lavori di formato medio piccolo, su cartone, senza pretese, ma molto colorati. Li ho prodotti col fine esplicito di vendere; per una volta volevo offrire oggetti nati per essere acquistati. Li ho esposti in tre diversi locali serali e ristoranti, per periodi relativamente brevi, e ne ho venduti la gran parte.

D. Quali i tuoi progetti per il futuro?

R. Curarmi un orto. E imparare a morire, un’arte da tempo dimenticata, volutamente rimossa. Neghiamo la morte, negandoci per conseguenza la vita.
Ma la domanda concerneva il mio ruolo di creativo. Ecco: desidero concentrarmi sulla poesia  -sì, proprio la poesia, per la quale prima ho negato un possibile ruolo sociale- tessendola, come mandala, col linguaggio che più di ogni altro mi appartiene da sempre, il disegno.

Aforismi

0. "Idealmente, vorrei essere l'eterno novizio, perché soltanto così le sorprese sarebbero infinite" (Keith Jarrett) 

1.
"L'arte viene dall'arte."
Roberto Terrosi

2. "E' assolutamente evidente che l'arte del cinema si ispira alla vita, mentre la vita si ispira alla televisione."
Woody Allen

3. L'oggetto d'arte ha oggi valore solo se assunto come valuta corrente; divenuto titolo di credito l'oggetto d'arte si svuota di ogni altro valore.
FF

4. "Compro quelle già pronte e lavate: essendo artista non è che posso pulire l'insalata, è contrario alla deontologia"
Corrado Guzzanti

5. "Quello che si dipinge è essenziale quanto come lo si dipinge. La grande arte riguarda i grandi contenuti"
Arshile Gorky

6. "Un bravo viaggiatore non ha piani fissi e non ha l'intenzione di arrivare. Un bravo artista lascia che sia il suo intuito a portarlo dove vuole. [...]"
incipit del 27° aforisma del Tao Te Ching

7. "Una madre ebrea non ha bisogno di essere ne ebrea, ne madre. Anche una cameriera irlandese o un barbiere italiano possono essere una madre ebrea"
Dan Greenburg

Totemismo e ritualizzazione nevrotico ossessiva nel Sistema dell'Arte Contemporanea

Precisazioni preliminari: la realtà della quale ci nutriamo è edificata su due colonne portanti, entrambe di ordine metafisico, immateriali: Dio e il Denaro.
- Il SAC (Sistema dell'Arte Contemporanea) ne è un riflesso, una minuscola porzione del più vasto Sistema illusionistico che ha pervaso le nostre esistenze e che ha ormai esaurito la propria parabola e tuttavia è lasciato al suo posto -come per il cadavere della psicologa, nell'incipit del film "Ma che colpa abbiamo noi"- a motivare le ragioni delle nostre azioni.

Il volti del colore: dal timbro al tono, dalle materie prime ai contenuti culturali, dagli oggetti agli affetti. Breve fuga dalla gabbia di Newton.


Nelle nostre scuole di ogni ordine e grado i colori sono presentati ai ragazzi a partire dall'esperimento scientifico di fisica applicata di Newton (1665-6).

Questo esperimento determina 6 colori [Newton ne aveva indicati romanticamente 7, in quanto avrebbero corrisposto alle 7 note della scala bachiana].
classificati in due gruppi: il primo è quello dei 3 primari    i quali, accoppiandosi nelle tre possibili combinazioni, danno luogo ai 3 detti secondari   . Questa prima classificazione si arricchisce attraverso gli studi che scienziati e pittori hanno fatto a partire da Newton fino ad arrivare a noi. Una classificazione che definisce il bianco e il nero come non colori, rappresentando il primo la luce e il secondo la sua assenza.

Da un punto di vista pittorico e certamente non solo da questa prospettiva, è restrittivo affidarsi ad una visione così definita; di seguito mi appunto alcuni scarti di prospettiva per concepire, "vedere" e riclassificare i colori, seguendo fili, studi e osservazioni linguistiche, culturali, antropologiche, psicologiche, poetiche, terapeutiche ecc.

inaugurazione dello spazio MAS

TL

letture